torna a medea
 


Storie di pipistrelli 4

Il pipistrello Divo e la "mamma" umana
di
Marco D'Amico



settembre 2013

Credevamo di aver concluso la nostra piccola serie di storie di pipistrelli (la prima, la seconda, la terza...) ma non resistiamo alla tentazione di dare ancora la parola a Marco...
Paola Musarra
>>>>>IIIOIII<<<<<

Ed eccomi qui, di nuovo a parlarvi di pipistrelli. Anche se, a dirla tutta, stavolta non sarò proprio io il narratore della storia, come era accaduto per il documentario “Storia di un orfano di pipistrello” di cui vi avevamo già parlato in precedenza nel numero di gennaio 2012 di MeDea.

Ebbene sì, Divo, il piccolo pipistrello albolimbato protagonista del documentario, si è messo “in proprio” ed ha deciso di rivolgersi ai più piccoli, ai bambini, attraverso le pagine di una favola ben scritta ed ottimamente illustrata, dal titolo “Il pipistrello Divo e la ‘mamma’ umana”.

la copertina

In questa favola, il piccolo Divo si racconta simpaticamente nei suoi primi tre mesi di vita, con tutti i dubbi e le incertezze legate alla sua giovane età, da quando è caduto dal rifugio, fino al momento in cui assapora la libertà.

La naturalista ed esperta Alessandra Tomassini, la “mamma umana”, gli insegnerà a mangiare, a volare ed a sopravvivere in natura!

La sua storia inizia con i piccoli lettori che si chiedono: “Ma cosa ci fa Divo su una mano umana?”

... su una mano...

In effetti, Divo è caduto dal rifugio a causa della sua inesperienza, avendo appena pochi giorni di vita. Ma per fortuna, viene raccolto da Francesca, una ragazza che, vedendolo, non si gira dall’altra parte come farebbero in tanti per via dei pregiudizi che da sempre accompagnano i Chirotteri...

Da questo momento prende il via la fantastica avventura del piccolo albolimbato a contatto, per la prima volta, con gli esseri umani. Un’avventura che lo porta a conoscere Alessandra, con la quale vivrà in simbiosi per i successivi tre mesi.

divo che ciuccia
... con il ciuccio...

Tre mesi in cui la sua “mamma umana” gli insegnerà a mangiare, volare ed a sopravvivere in natura: dal primo pasto a base di latte, allo svezzamento con le camole (larve), passando per le impegnative prove di volo fino alla tanto agognata libertà.

Divo, con la sua faccetta simpatica e un’innata voglia di imparare, si impegna ogni giorno per non “deludere” la sua “mamma umana” e racconta in prima persona ai bambini l’avventura che sta vivendo.

E i bambini pian piano, immergendosi nella lettura, si appassionano alle vicende del piccolo albolimbato, fanno il tifo per lui, gioiscono per le sue vittorie e, senza volerlo, imparano tanto su questi fantastici animali anche attraverso un’appendice finale dal titolo “lo sapevate che…”in cui si danno notizie scientifiche sul mondo dei Chirotteri che è sempre bene ribadire...

Come ormai ben saprete, infatti, i pipistrelli sono creature timide ed inoffensive. Sono gli unici mammiferi che volano e vivono da ben 52 milioni di anni sulla terra, in tutti i continenti tranne che ai Poli.

I chirotteri in Italia sono protetti per legge dal 1939, così come l’ambiente in cui essi vivono, ma sono ancora troppo minacciati a causa di falsi miti e tabù difficili da sfatare.

Non è vero infatti che si attaccano ai capelli, che appartengono all’ordine dei roditori, che succhiano il sangue (almeno quelli italiani che sono insettivori), e via dicendo.

Una favola semplice, istruttiva ed emozionante, che vuole dunque anche sfatare falsi miti e superstizioni legati a questi fantastici animali, per conoscerli, amarli e rispettarli! Il tutto, imparando divertendosi...

>>>>>IIIOIII<<<<<

... i tre autori...
... i tre autori...


Il pipistrello Divo e la 'mamma' umana
di Alessandra Tomassini e Marco D'Amico
Illustrazioni di Sabina Vittoria Ficara
TAPHROS Editrice, Olbia 2013
Con il Patrocinio di: LIPU - GIRC - TUTELA PIPISTRELLI
Per info: taphros@tiscali.it

La favola è tratta dal documentario Storia di un orfano di pipistrello già citato
Vedi: www.tutelapipistrelli.it
Per info: tutelapipistrelli@gmail.com.

>>>>>IIIOIII<<<<<


torna su

redazione  
e mise en page: 

pmusarra

torna a medea