torna a medea

Per una nuova immagine
delle donne albanesi



Sommario
Un progetto
di
Anna Rosa Iraldo e Paola Musarra
Seconda parte

Quali donne?

Abbiamo pensato di farvi conoscere le donne che Anna Rosa ha incontrato a Tirana. SarÓ solo una brevissima presentazione, giusto quanto basta per familiarizzarvi con i loro nomi, con l'ambiente in cui vivono. Ritroveremo infatti su MeDea nei prossimi mesi le loro parole, i loro desideri.

Le interviste a queste donne sono frutto di incontri programmati, ma anche di occasioni a volte impreviste: nuove amicizie, amiche di amiche...

Anna Rosa con alcune amiche a Tirana

L'ampia fascia d'etÓ e le diverse esperienze di vita delle intervistate sono per noi una piccola garanzia per quella pluralitÓ di voci consapevoli alla quale aspiriamo.

Abbiamo volutamente limitato a poche righe questo primo incontro per creare uno spazio di riflessione.

Vorremmo infatti che invece di limitarvi ad attingere informazioni cominciaste a porvi delle domande, le stesse che anche noi ci siamo poste.

Che cosa accomuna queste donne? Che cosa le divide? E ancora: che cosa le avvicina a noi? Che cosa le allontana?

A noi Ŕ sembrato di intravedere, nonostante la/le diversitÓ, un elemento comune: una forte tensione (insofferenza?) che spinge verso il cambiamento.

E proprio il cambiamento sarÓ il tema di cui ci occuperemo la prossima volta.

Per affrontarlo con maggiore consapevolezza e per un inquadramento generale dei problemi riguardanti l'Albania, vi consigliamo la lettura di un recente numero della rivista liMes (n.░ 2, 2001) su: "Macedonia/Albania - Le terre mobili".

Altre indicazioni bibliografiche riguardanti l'incontro con una cultura diversa sono contenute nel contributo di Paola.

Le donne che ho incontrato
di Anna Rosa Iraldo

Un rischio
di Paola Musarra



mise en page:
paola musarra