torna a medea
 


Per una nuova immagine 
delle donne albanesi

Un progetto
di
Anna Rosa Iraldo e Paola Musarra
Dodicesima parte




Sommario

Tessendo le reti
di
Anna Rosa Iraldo

Le donne che ho intervistato a Tirana esprimono tutte, in modi diversi, il loro impegno nel sociale: Zamira e Kozeta come giornaliste, Diana al Centro Donna...

Anche Lirì, che ormai non esce quasi più di casa, ogni giorno riceve le sue amiche, Lirífumando sigarette ininterrottamente (ma alternando, a scopo terapeutico, due marche diverse, una leggera e una forte), offrendo caffè e - perché no? - un bicchierino di rakí, soprattutto se c'è un'ospite a lei particolarmente gradita...

Così dal suo salotto Lirì "mette in rete" il suo mondo e, senza muoversi, diventa il centro di molteplici comunicazioni.

Oggi incontreremo Lina e Sevim.

Anche Lina, senza muoversi dal suo ufficio, si "mette in rete"; questa volta però si tratta della Grande Rete, di Internet, che ha imparato ad usare da molti anni.

Invece Sevim intreccia le sue complesse reti nel sociale, muovendosi con disinvoltura tra organismi internazionali, fondazioni, donazioni, finanziamenti...

Sono sorprendenti, queste donne albanesi!

Con Lina

Con Sevim

torna su

redazione e 
mise en page: 

pmusarra

torna a medea